Fattore Von Willebrand (funzionale)



< Fattore Von Willebrand
Fattore X >

Fattore Von Willebrand (funzionale)

Sinonimo
Cofattore ristocetinico della sindrome di von Willebrand, fattore funzionale della sindrome di von Willebrand, Risto, Ristocetina.
Indicazione
Tendenza al sanguinamento.
Materiale / Quantità
plasma citrato 1+9 congelato / 700 µl
Prelievo dei campioni
Riempire il contenitore del campione esattamente fino al segno.
Logistica dei campioni
Centrifugare, separare il plasma in una nuova provette (senza additivi),centrifugare ulteriormente e trasferire il plasma in una terza provetta (senza additivi). Inviare congelato.
In caso di più analisi sul materiale congelato, suddividere il campione in tre porzioni da > 1 ml.
Stabilità
Temperatura ambiente (fino a 25 °C): 24 ore
Frigorifero (5-8 °C): 24 ore
Congelato (-20 °C): 1 Mese
Metodo / Produttore
Test fotometrico / Siemens
Max. coefficiente di variazione
7 %
Variazione biologica
2.5 %
Unità
%
Valore di riferimento
Valore di riferimento
46.3 - 145.6 Gruppo sanguigno "0"
61.4 - 179.1 Gruppo sanguigno non-"0"
47.8 - 173.2 indipendente dal gruppo sanguigno
Frequenza
2x settimana
Interpretazione
La Sindrome di Willebrand è la tendenza al sanguinamento ereditaria più frequente, con una prevalenza di circa l'1% della popolazione normale. Colpisce equamente uomini e donne. I test di screening come l'aPTT e il PFA-100 non sono sufficientemente specifici e sensibili, quindi occorerebbe cercare, oltre ai test globali, anche miratamente alla sindrome di von Willebrand. Una carenza o un difetto qualitativo del vWF porta a una tendenza al sanguinamento. Persone con gruppo sanguigno 0 hanno valori vWF inferiori rispetto ad altre persone. Il vWF è esposto a significative influenze (infiammazione, prelievo del sangue difficile, stress). Per eseguire una diagnosi della sindrome von Willebrand sono necessari valori ripetutamente bassi. Il rapporto tra vWF funzionale / antigene vWF, insieme al numero di trombociti e all'attività del fattore VIII sono indicativi per la classificazione di una sindrome di Willebrand. Inoltre si utilizzano il test di provocazione con DDAVP, l'analisi multimerica e l'analisi genetica.
Se assumono antidolorifici, i pazienti con la sindrome di von Willebrand dovrebbero ricordarsi di evitare di assumere principi attivi che inibiscono il funzionamento dei trombociti. Su richiesta, forniamo volentieri un elenco dei farmaci consigliati e da evitare.
Altri test
Il fattore funzionale di von Willebrand dovrebbe essere sempre determinato insieme all'antigene del fattore von Willebrand e al fattore VIII, nonché al numero dei trombociti.
Letteratura
Autori: LMZ Dr Risch
Titolo: Präanalytik Gerinnungsuntersuchungen
pubblicazione: www.risch.ch
Web link: https://www.risch.ch/downloads/praeanalytikkarten/praeanalyt[...]utgerinnung.pdf

Autori: Méndez A, Martinez M, Huber A, Tsakiris DA
Titolo: Méndez A, Martinez M, Huber A, Tsakiris DA
pubblicazione: Schweiz Med Forum 2014;14(2930):534-539
Web link: http://www.medicalforum.ch/docs/smf/2014/2930/de/smf-01990.p[...]e/smf-01990.pdf

Autori: Nichols WL1, Rick ME, Ortel TL, Montgomery RR, Sadler JE, Yawn BP, James AH, Hultin MB, Manco-Johnson MJ, Weinstein M.
Titolo: Clinical and laboratory diagnosis of von Willebrand disease: a synopsis of the 2008 NHLBI/NIH guidelines.
pubblicazione: Am J Hematol. 2009 Jun;84(6):366-70.
Web link: http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1002/ajh.21405/epdf
Tariffa
45.00 TP
RI-Code
VWRCO
Ultima modifica
17.07.2019

< Fattore Von Willebrand
Fattore X >