Voriconazol



< Vongola, f207
Vortioxetin >

Voriconazol

Sinonimo
Vfend
Indicazione
Monitoraggio della terapia/valutazione dell’intossicazione.
Materiale / Quantità
siero senza gel / 200 µl
centrifugare e separare
Preparazione del paziente
Prelievo sanguigno prima della successiva assunzione del farmaco (tasso residuo).
Raccomandazione: si consiglia di dosare la concentrazione del farmaco allo steady-state (somministrando il dosaggio iniziale consigliato (loading dose) si raggiunge la concentrazione plasmatica che più si avvicina allo steady-state entro 24 ore).
Prelievo dei campioni
Se possibile non utilizzare sistemi di prelievo sanguigno con gel separatore. Separare il siero dopo la centrifugazione.
Stabilità
Temperatura ambiente (fino a 25 °C): 1 Giorno
Frigorifero (5-8 °C): 7 Giorni
Congelato (-20 °C): 2 Mesi
Metodo
HPLC-MS/MS
Unità
µg/ml
Valore di riferimento
Valore di riferimento
Unità
1 - 5
µg/ml
Frequenza / Lab. esterno
3x settimana / 75 (STS 0259)
Nota
Emivita: l’emivita terminale é dose-dipendente e corrisponde, a seguito di una somministrazione per os di 200 mg, circa 6 ore. A causa della farmacocinetica non lineare, l’emivita terminale non può essere considerata per il calcolo dell’accumulo o dell’eliminazione di voriconazolo.
Interpretazione
Il voriconazolo ha un elevato potenziale per le interazioni farmacologiche. Viene metabolizzato da CYP2C19, CYP2C9 e CYP3A4 ed è un inibitore del CYP.
Studi in vivo hanno dimostrato che il CYP2C19 è significativamente coinvolto nel metabolismo del voriconazolo. Questo enzima presenta un polimorfismo genetico. Si suppone che il 15-20% della popolazione asiatica metabolizzi in modo rallentato i substrati di CYP2C19 (cosiddetti metabolizzatori lenti). Nella popolazione bianca e nera la prevalenza di una metabolizzazione lenta ammonta al 3-5%.
Tariffa
160.00 TP
RI-Code
VORICO
Ultima modifica
30.10.2018

< Vongola, f207
Vortioxetin >