LDL ossidato



< LDH nel puntato
Legionella pneumophila (PCR) >

LDL ossidato

Indicazione
Stratificazione del rischio in caso di cardiopatia coronarica.
Materiale / Quantità
siero congelato / 500 µl
Logistica dei campioni
Congelare immediatamente (-20 °C). In caso di più analisi sul materiale congelato, suddividere il campione in 3 porzioni da > 1 ml da congelare.
Stabilità
Temperatura ambiente (fino a 25 °C): 1 Giorno
Frigorifero (5-8 °C): 7 Giorni
Congelato (-20 °C): 12 Mesi
Metodo
ELISA Enzyme-Linked ImmunoSorbent Assay
Unità
U/l
Valore di riferimento
Valore di riferimento
Unità
< 117
U/l
Frequenza / Lab. esterno
Ogni 2 settimane / 49 (D-ML-13347-01-01)
Nota
I pazienti devono essere informati che quest'analisi non rientra nel tariffario federale. Non vi è pertanto l'obbligo di copertura da parte della cassa malati. L’analisi viene fatturata al paziente con un prezzo equivalente.
Interpretazione
È stato riscontrato un aumento dei valori di oxLDL in caso di cardiopatia coronarica, diabete mellito, patologie renali e malattie autoimmuni.
Letteratura
Autori: Levitan, I. et al.
Titolo: Oxidized LDL: diversity, patterns of recognition, and pathophysiology
pubblicazione: Antioxid Redox Signal 2010, 13; 39
Web link: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2877120/pdf/ars[...]s.2009.2733.pdf

Autori: Maiolino G. et al.
Titolo: The Role of Oxidized Low-Density Lipoproteins in Atherosclerosis: The Myths and the Facts
pubblicazione: Mediators Inflamm 2013
Web link: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3816061/pdf/MI2[...]2013-714653.pdf
Tariffa
15.00 TP
RI-Code
LDLO
Ultima modifica
01.09.2020

< LDH nel puntato
Legionella pneumophila (PCR) >