CRP sens. (rischio cardiovasc.)



< CRP nella paracentesi
Cryptosporidium (microscopia) >

CRP sens. (rischio cardiovasc.)

Indicazione
Prima diagnosi in pazienti con sospetta aterosclerosi/cardiopatia coronarica, prevenzione primaria legata alla determinazione dei classici fattori di rischio quali fumo, ipertonia, diabete mellito, alterazioni del metabolismo lipidico.
Materiale / Quantità
siero / 105 µl
Stabilità
Temperatura ambiente (fino a 25 °C): 11 Giorni
Frigorifero (5-8 °C): 2 Mesi
Congelato (-20 °C): 36 Mesi
Metodo / Produttore
Turbidimetria / Roche
Max. coefficiente di variazione
8.4 %
Variazione biologica
42.2 %
Unità
mg/l
Valore di riferimento
Rischio cardiovascolare
Basso < 1.00
Medio 1.00 - 3.00
Elevato > 3.00
Frequenza
Giornaliera (durante gli orari di apertura)
Interpretazione
Il valore della CRP-hs misurato casualmente, compreso un controllo a distanza di 2-3 settimane eseguito per escludere un'infezione, può consentire di stimare il rischio relativo (RR) personale di un evento coronarico.
Letteratura
Autori: Rietzschel E, De Buyzere M.
Titolo: High-sensitive C-reactive protein: universal prognostic and causative biomarker in heart disease?
pubblicazione: Biomark Med. 2012 Feb
Web link: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22296194
Tariffa
10.00 TP
RI-Code
CRPUS
Ultima modifica
10.07.2018

< CRP nella paracentesi
Cryptosporidium (microscopia) >