ABCB1: antidepressivi



< α2-macroglobulina
Abete odoroso, t207 >

ABCB1: antidepressivi

Indicazione
L'indagine ABCB1 permette di individuare in maniera personalizzata, prima dell'inizio di una terapia, quali antidepressivi possono essere più idonei per il paziente. Con questo test è possibile raccomandare un principio attivo evidenziando la distinzione tra una terapia con substrati della glicoproteina-P (paroxetina, citalopram, escitalopram, venlafaxina, amitriptilina, ossido di amitriptilina, nortriptilina, trimipramina, sertralina, vortioxetina, Levomilnacipran, vilazodone, iperico, duloxetina) e con non-substrati della glicoproteina-P (fluoxetina, mirtazapina, agomelatina, bupropione, trazodone, lamotrigina).
L'analisi per determinare il genotipo ABCB1 è stata integrata nelle direttive della Società Svizzera per i Disturbi d'Ansia e la Depressione (SSAD), della Società Svizzera di Psichiatria Biologica (SSPB) e della Società Svizzera di Psichiatria e Psicoterapia (SSPP) come raccomandazione di trattamento di episodi depressivi acuti.
Materiale / Quantità
sangue EDTA / 3000 µl
Metodo
PCR
Frequenza
1x settimana
Nota
I pazienti devono essere informati che quest'analisi non rientra nel tariffario federale. Non vi è pertanto l'obbligo di copertura da parte della cassa malati. L’analisi viene fatturata al paziente con un prezzo equivalente.
Interpretazione
Nell'interpretazione dei risultati dell'analisi si distinguono essenzialmente due varianti di genotipo:
- Variante 1 (rs2032583 (CC/CT) e rs2235015 (TT/GT)): passaggio facilitato di determinati antidepressivi attraverso la barriera emato-encefalica.
- Variante 2 (rs2032583 (TT) ed rs2235015 (GG)): passaggio difficoltoso di determinati antidepressivi attraverso la barriera emato-encefalica.
Per entrambe le varianti vengono fornite raccomandazioni per la scelta della terapia farmacologica da prediligere (substrati o non-substrati della glicoproteina-P).

Attenzione: ci preme sottolineare che non è stato chiarito in maniera definitiva il nesso causale esatto tra le varianti genetiche e la risposta alla terapia farmacologica. Le affermazioni che ne risultano sono basate su studi scientifici, ma non possono sostituire il controllo clinico del decorso.
Altri test
In caso di trattamento psicofarmacologico non soddisfacente, si può procedere ad un ulteriore accertamento farmacogenetico dei seguenti geni: CYP1A2, CYP2D6, CYP2C19. Tale approfondimento diagnostico viene consigliato soprattutto in caso di somministrazione dei seguenti principi attivi: amitriptilina, aripiprazolo, atomoxetina, carbamazepina, citalopram, clobazam, clomipramina, clozapin, desipramina, diazepam, doxepina, escitalopram, fluvoxamina, aloperidolo, iloperidone, imipramina, mirtazapina, nortriptilina, olanzapina, paroxetina, perfenazina, pimozide, risperidone, sertralina, tioridazina, trimipramina, venlafaxina, vortioxetina, zuclopentixolo. In tal caso si consiglia di contattare direttamente il reparto di Genetica del CML Dr Risch.
Letteratura
Autori: Uhr Manfred et al. 2008
Titolo: Polymorphisms in the Drug Transporter Gene ABCB1 Predict Antidepressant Treatment Response in Depression
pubblicazione: Neuron - Cell Press
Web link: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18215618

Autori: Breitenstein B. et al. 2014
Titolo: The clinical application of ABCB1 genotyping in antidepressant treatment: a pilot study.
pubblicazione: CNS Spectr.
Web link: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23880209

Autori: Holsboer-Trachsler et al. 2016
Titolo: Richtlinien: Die Akutbehandlung depressiver Episoden
pubblicazione: Swiss Medical Forum
Web link: https://www.sgad.ch/wordpress/wp-content/uploads/2016/08/Die[...]en_20160831.pdf
Tariffa
238.00 TP
RI-Code
ABCMPI
Ultima modifica
18.11.2020

< α2-macroglobulina
Abete odoroso, t207 >